Vicenza patrimonio dell'UNESCO

Il 15 dicembre 1994, “Vicenza - città di Palladio” è stata inserita nella lista dei beni "Patrimonio dell’Umanità" dell’UNESCO con i suoi ventitré monumenti palladiani nel centro storico e tre ville site al di fuori dell’antica cinta muraria, pure realizzate dal famoso architetto. La città del Palladio rappresenta un capolavoro del genio creativo umano. Mostra un importante scambio di valori umani, in un periodo o in un'area culturale del mondo, esprimendo eccezionalità negli sviluppi dell'architettura e delle tecnologie, dell'arte monumentale, urbanistica o paesaggistica.

Nel 1996 il riconoscimento dell'UNESCO è stato esteso anche alle ville di Palladio dell’intero territorio provinciale e regionale: ben 16 in provincia di Vicenza, 3 in provincia di Treviso, 2 in provincia di Padova, 1 in provincia di Venezia, 1 in provincia di Verona e 1 in provincia di Rovigo.

Con queste motivazioni l'UNESCO, l'Agenzia dell'ONU per le Scienze e la Cultura, ha inserito Vicenza e le Ville di Palladio nella Lista del Patrimonio Mondiale:
- “Vicenza è una realizzazione artistica eccezionale in considerazione dei numerosi contributi architettonici di Andrea Palladio integrati in un tessuto storico al quale conferiscono il suo carattere d’insieme”
- “Per la sua architettura, la città ha esercitato una forte influenza sull’architettura e le regole d’urbanesimo nella maggioranza dei Paesi europei e nel mondo intero”.

Vicenza è quindi uno dei siti UNESCO che possiede il maggior numero di monumenti protetti: ben trentanove.